+39 0557877744

Palazzo Pitti: una reggia da scoprire!

from/per person 0

Descrizione

Sede dei granduchi di toscana: i medici prima, da metà 1500 al 1737, i lorena dopo, divenne, durante il periodo di firenze capitale, la sede di casa savoia ed infine dal 1919 museo statale.

alazzo Pitti non è solo un museo ma un insieme di musei.

la Galleria Palatina, che da sola raccoglie quasi 1500 dipinti tra i quali molti sono gli artisti rappresentati: Raffaello, Andrea del Sarto, Tiziano, Ruberns, Van Dyck, e moltissimi altri; spettacolari sono anche le sue sale affrescate nel ‘600 dai Medici e ancora nell’800 dai Lorena, e sempre all’interno di questo museo si possono visitare gli appartamenti reali: un’intera area del palazzo ridecorata durante il periodo di Firenze capitale con parati di seta di colori diversi per ogni stanza e contenente mobilia del periodo. Si possono così vedere la sala di rappresentanza ma anche gli appartamenti privati come la camera da letto della regina, quella del re, il suo studio, la sala da bagno o gabinetto ovale, etc. con la rispettiva mobilia.

Il museo degli argenti, in origine gli appartamenti estivi di casa Medici, contiene spettacolari collezioni di avori, ambre, i vasi provenienti dalla collezione di Lorenzo il Magnifico, bellissimi stipi in pietre dure e molto altro ancora. Anche in questo museo le sale del piano terra sono state affrescate nel ‘600 e spettacolare è la sale delle muse, dedicata a Lorenzo il Magnifico.

La galleria d’arte moderna, con collezioni che risalgono al 1784 per arrivare agli inizi del ‘900. Il percorso si snoda attraverso 30 sale in cui sono esposte principalmente le collezioni dell’800, in un arco cronologico che va dall’epoca di Pietro Leopoldo, alla prima guerra mondiale. Molti sono gli artisti rappresentati tra i quali particolare rilievo per numero di opere sono gli artisti “macchiaioli”.

La galleria del costume, sale in origine abitate dalla famiglia reale sino alla fine della monarchia in Italia, le 13 sale raccontano l’evoluzione del costume dal ‘700 al 1920 circa.

Il museo delle carrozze, contiene una serie di carrozze granducali del periodo lorenese costruite dopo il ritorno di Ferdinando III dall’esilio. Attualmente il museo è chiuso.

Le visite che proponiamo nel nostro itinerario sono o alla Galleria Palatina o al museo degli argenti, entrambi spettacolari non solo per le loro collezioni ma anche per le bellissime sale affrescate nel ‘600.

Sono previsti biglietti di ingresso.